“I limiti del mio linguaggio costituiscono i limiti del mio mondo. Tutto ciò che io conosco è ciò per cui ho delle parole”.                                                                                                                                 (Ludwig Wittgenstein)

                                                                                                                                                                                                      I MESSAGGI SUBLIMINALI DEL LINGUAGGIO

In questa terza lezione di grammatica non sessista, ci soffermiamo su alcune forme linguistiche da evitare.                                                                                                                                   Usare sempre ed unicamente il maschile neutro è alquanto sbagliato, perché trasforma il femminile in un’ appendice del maschile; addirittura in questo modo di agire il genere femminile viene cancellato, annullato .                                                              Come dobbiamo comportarci, a tal proposito, per evitare di cadere in questa trappola del linguaggio? Bisogna sforzarsi di trovare delle forme linguistiche alterative.

Ad esempio, non si dirà  “I Diritti dell’Uomo”, ma  “I Diritti Umani”;                                  non diremo “Il corpo dell’uomo”, ma “Il corpo umano”;                                                            non più “L’uomo primitivo”, ma “Le popolazioni primitive”;                                                        non si dirà “L’uomo di Cromagnon”, ma “I reperti umani di Cromagnon” e neanche  “A misura d’uomo”, ma  “A misura umana”;                                                                                           non più “Mine antiuomo”, ma “Mine anti-persona”…

Quindi, bisogna sforzarsi per cercare di usare, nel nostro parlare, delle valide forme linguistiche non sessiste.

Un’altra regola che va evitata è quella di dare sempre precedenza al maschile nelle forme oppositive: UOMO/DONNA                                                                                                             Non diremo “I bambini, i ragazzi, i vecchi, ecc…”, ma  useremo la forma alternativa non sessista: “Le bambine ed i bambini , i ragazzi e le ragazze, le vecchie e i vecchi, ecc…”.                                                                                                                                                                   Bisogna alternare la precedenza, una volta assegnarla al maschile e la volta seguente al femminile e viceversa.                                                                                                 Dobbiamo evitare le parole: fraternità, fratellanza, paternità, quando si riferiscono a donne e uomini. Non bisogna dire:

“La fratellanza fra nazioni”, ma “La solidarietà (umana) tra nazioni”.                                   É sbagliato dire,  “La paternità di quest’opera appartiene a Frida Kahlo”, ma “La maternità di quest’opera appartiene a Frida Kahlo”…                                                                 Se a redarguire è una donna , non diremo che ha fatto  la paternale , ma la maternale.

In conclusione, si vuole sottolineare che saper usare la lingua è davvero importante per abbattere muri e distruggere discriminazioni non solo di genere.