“Mi sembra che il linguaggio venga sempre usato in modo approssimativo, casuale, sbadato, e ne provo un fastidio intollerabile.”                                                                                       (Italo  Calvino)

DISSIMMETRIE SEMANTICHE

Per dissimmetrie semantiche si intende la mancanza di corrispondenza nel significato delle parole, di quegli usi linguistici che trasmettono modelli stereotipati di uomini e donne.                                                                                                                                   L’aggettivo “LIBERO”, ad esempio, se si riferisce ad un uomo ha connotazioni morali e intellettuali, se riferito ad una donna connota il suo comportamento sessuale.          “SERIO”, per un uomo, qualifica la sua dirittura morale in senso lato e coscienzioso, il suo comportamento soprattutto nel lavoro, mentre, per la donna, “SERIA”, connota il suo comportamento sessuale e le sue doti “materne e casalinghe”.                    Prendiamo ad esempio altri termini: “INSIGNIFICANTE”, al maschile significa “incapace, mediocre, senza qualità di spicco”, al femminile indica in genere l’aspetto fisico .                                                                                                                                                             “CARINO”, per un uomo ne connota il comportamento gentile, gradevole, garbato; “CARINA”, per una donna connota quasi sempre il suo fisico, soprattutto se è in posizione attributiva, mentre in posizione predicativa («essere carina con qualcuno») può implicare una “concessione di favori sessuali”.                                                 “GOVERNANTE”, riferito all’uomo significa che governa la res-publica, mentre per la donna che governa la casa.                                                                                                                              Il Dizionario della Lingua Italiana di Devoto-Oli dà una definizione di “MASSAIO”, (senso maschile) Saggio amministratore e risparmiatore del proprio;  coltivatore di un manso; amministratore di una proprietà fondiaria o di un tesoro o ente pubblico o sociale.                                                                                                                                                            “MASSAIA” (senso femminile)  donna che opera nell’ambito dell’economia domestica.                                                                                                                                             “ZITELLA” è un sostantivo dissimmetrico poiché il maschile “ZITELLO” è, come dice il Dizionario di Devoto-Oli, “arcaico e raro”: quando si parla di un uomo non sposato, di qualsiasi età, i termini a disposizione sono «celibe» e «scapolo».  Riportiamo le definizioni tratte dal Dizionario di Devoto-Oli di «ZITELLA»: donna nubile di età avanzata; per lo più in senso ironico o spregiativo, per mettere in risalto una femminilità appassita e un umore bisbetico.                                                             “SCAPOLO”: celibe, spesso con riferimento agli aspetti più o meno invidiabili della libertà maschile nei rapporti con la donna.                                                                         “NUBILE”: donna non maritata, specialmente nel linguaggio burocratico, con riferimento allo stato civile.                                                                                                                          Nella mentalità comune la donna “Nubile” è considerata in posizione passiva, cioè una persona “sposabile”, mentre “Celibe” è un uomo che non ha preso moglie.             Va sottolineato l’uso dei verbi «prendere moglie»  che enfatizza il ruolo attivo attribuito all’uomo.

L’ultimo esempio che facciamo riguarda la “professione” o il “mestiere” di prostituta, in quanto è esemplare della condizione della donna nella nostra società; ne sono prova i numerosi termini negativi per indicarla,  mentre l’uomo che va con le prostitute è sempre genericamente designato come “cliente occasionale”, o “amico occasionale”, espressioni prive di qualsiasi valore dispregiativo. Anche l’antico termine “peripatetica” è dissimmetrico, rispetto al classico maschile “peripatetico”, che designava un esponente di una scuola filosofica greca.                                                        L’asimmetria nei casi considerati fa emergere l’azione di pregiudizi e stereotipi maschilisti e sessisti.                                                                                                                                          Il sessismo veicolato attraverso la lingua è un dato di fatto.
Si deve lavorare sulla creazione di nuove forme linguistiche, che risultino meno discriminatorie o non univocamente discriminatorie e che, soprattutto, possano contribuire al radicamento nelle future generazioni di una nuova mentalità.